IL VIBRATO

CONTRABBASSO: il vibrato (tipologia) -Vito Liuzzi

Parlare del vibrato su di un contrabbasso specie se scritto a braccio non è cosa facile, anzi riesce abbastanza difficile specie per il fatto che non posso inserire dei miei video per indicare la correttezza dello stesso. Ma parleremo delle diverse tipologie del vibrato, nel senso che non dobbiamo assolutamente pensare che il vibrato sia sempre lo stesso sia per un periodo storico che per un altro; altresì evidenzieremo quei concetti che stanno alla base di un vibrato d' impulso ed uno più variegato. Ma vorrei cominciare parlando ai più esperti e non ai giovani contrabbassisti che purtroppo sono ancora avezzi dall' avere quelle informazioni tecniche che solo l' insegnante sarà in grado di offrire loro. Quando acquistate uno strumento buono, di fabbrica od antico, quasi nessuno testa la qualità del vibrato, come esce e viaggia un buon vibrato. Questo aspetto non è da sottovalutare, anzi fa il pregio del contrabbasso che eventualmente si va ad acquistare. Nel tempo mi sono accorto che contrabbassi anche di ottima fattura hanno difficoltà a far emergere un vibrato a seconda delle richieste del musicista, nel senso che la qualità oscillatoria della corda non determina dei vibrati variegati. Personalmente quando provo uno strumento la prima cosa che faccio è quella di capire come si avverte il vibrato sia nel pianissimo che nel fortissimo, al manico ed al capotasto soprattutto. E le differenze sono notevoli! Contrabbassi migliori forniscono un vibrato sterile e poco viaggiante, altri invece sono molto più pronti e reattivi e forniscono la possibilità di adeguarsi a tutti gli stili ed atutte le epoche. Naturalmente se si ha a disposizione un solo contrabbasso da acquistare e notate che il vibrato non esce subito come vorreste ciò va a detrimento del prezzo complessivo dello strumento poichè se debbo spendere 9.000 euro per un buon contrabbasso devo esigere che il vibrato che ne fuoriesce deve essere molto ma molto reattivo, dosato a quello che voglio fare. Al manico cercherò vibrati di tutti i tipi (stretto, medio e largo), idem per il capotasto dove le valutazioni sono pressapoco identiche ma non uguali, causa la difficoltà tecnica nell' ottenerlo. Non prendete sotto gamba questa mia osservazione perchè, col tempo, quando capirete bene che contrabbasso avete acquistato potreste notare che la qualità vibratoria non è come quella del primo Tom Martin, che praticamente aveva il miglior vibrato a quei tempi in voga. Gary Karr utilizza un vibrato più stretto, ma che sis sente anche a cinquanta metri di distanza. E' questa la caratteristica principale del vibrato viaggiante in una Hall da Concerto, ed anche l' aspetto più affascinante del nostro strumento che si ritiene non in grado di eseguire dei cantabili operistici: cosa assolutamente erronea per il bravo e studioso contrabbassistico. Certo il suono e timbro di un contrabbasso possono essere accattivanti, come la sua potenza, ma io preferisco lo stile alla Martin che utilizzava strumenti meno potenti ma con una grande sensibilità al vibrato. Ascoltate la sua Elegia in cuffia e fate la prova ad imitarlo: non ce n'è per nessuno! Poi è chiaro che uno fa le doverose scelte in merito allo strumento da acquistare, ma io mi aspetto molto dai liutai su questa principale caratteristica del contrabbasso che se viene a mancare o è limitata mi porterà a cercare qualcosaltro. Se poi lo avete commissionato, tenetevi di buona lena quello che avete comprato e non lamentatevi più di tanto. Infatti non si può parlare di un vibrato unico e omnicomprensivo, ma di una tipologia ben precisa di vibrati. Inizialmente con gli allievi si tende a farli vibrare in maniera uniforme in modo che la stonatura naturale che ne esce sia la più costante possibile andando da un + 10 ad un - 10 in un ipotetico grafico cartesiano che misuri l' ampiezza della curva stessa. Non è cos facile, anzi! Un buon vibrato naturale lo si ha solo se l' allievo ha sviluppato con gli esercizi di tecnica pura, con gli studi o concertini una buona forza non nella mano ma nelle dita. Il principio di rilassatezza deve essere al centro dell' attenzione, altrimenti si rischia che il vibrato uniforme porti con se tutto lo strumento! Una cosa che bisogna comprendere (e lo si può vedere nel mio sito alla pagina "bow and fingerings") è che il vibrato al manico non necessita di grande pressione ma solo di velocità esecutiva. Ripeto: questo avviene solo se le dita si sono rinforzate al punto giusto. E' meglio far vibrare molto largo inizialmente in modo tale che non si abbia quel vibrato pecorino tanto odiato dai contrabbassisti. Il polso rimane praticamente bloccato mentre entrano in azione avambraccio e braccio insieme a parte della spalla che, in questo modo e senza irrigidirsi, possono trasmettere la loro vibrazione alle dita della mano, od a tutta questa. Solitamente vibrando con l'1, grossi problemi non vi dovrebbero essere, ma vibrando col 2 o 3 si cominciano a notare dei piccoli difetti come quello di fare le corna. Aspetto questo bruttissimo da vedere esteticamente. Le dita si alzano, ma di pochissimo dalla tastiera, quello che basta per permettere alle stesse di vibrare e "stonare" in maniera uniforme e possibilmente larga. Ci sono esercizi specifici che il maestro insegna all' allievo prima di giungere a cotanto virtuosismo. Un giorno vi spiegherò il mio! Quando si vibra con mignolo, anche l' anulare deve aiutarlo nella pressione mentre le altre dita di debbono alzare di poco anche per non perdere quella che avevamo indicato come impostazione pianistica. Qui i problemi sono enormi. L' unico modo è far vibrare l' allievo pizzicando la corda: sia col 1 che con 2-3 o col 4 la lunghezza del sustain deve essere sempre la stessa. Si noterà che col 4 insieme all' anualre questa lunghezza è minore, ma una volta che le dita si saranno più o meno parificate solo allora si potrà a cominciare a tirare l' rco che ovviamente sfuggirà in velocità. Cosa si vuol dire. Fino a quando l' allievo tira l' arco senza vibrare a note lunghe, problemi particolari non ve ne sono. ma quando si inserisce il vibrato largo o medio allora l' archetto tenderà ad aumentare la sua velocità. Errore gravissimo che nel tempo verrà migliorato sicuramente sotto l' egida del buon maestro. Esercizio: tirate le note di una scala semplice vibrandola, ma solo a note lunghe ed utilizzando un metronomo. Odioso esercizio ma estremamente corroborante ai fini di un' ottimale riuscita finale. Ci vuole del tempo per perfezionarsi, ma ne vale la pena!! Se non si hanno dei risultati apprezzabili allora vuol dire che l' allievo/a non hanno sviluppato nel corso degli anni quella forza necessaria nelle dita della mano sinistra per poter ottener un buon vibrato: poche scale ed arpeggi, pochi esercizi del Mucci, poco Petracchi (specie lo studio delle quinte) e poco numero 1 del Billè 18 Studi. Questa è la realtà! Ci sono discenti che si attengono alla lettera a quanto dice l' insegnante ed altri che non fanno molta tecnica perchè la reputano noiosa. Ma alla fine il vibrato ci dirà tutto! E' un punto di arrivo ben preciso da cui non si può sfuggire. Io tendo a volte a far cambiare corde ed a cercarne di altre con meno tensione. I risultati sono buoni per questi personaggi ma poi la qualità dei colpi d' arco ne può risentire. Consiglio eventualmente le D' Addario Helicore Light Orchestra che sono veramente una manna dal cielo e risolvolo molti problemi, oppure usare una muta da solista scordata ad Orchestra. Non tutti i mali vengono per nuocere. Cosa fare se si deve vibrare un Sol# in prima posizione quarta corda? Affidarsi ad un Santo, quello che voi preferite! Si tratta delle posizioni più ostiche da vibrare col quarto dito. Eventualmente consiglio nelle note lunghissime di sostegno di adoperare il 2-3 dito; la vecchia scuola del 3 dito composta dal medio ed anulare che pigiano insieme mi sembra la più redditizia. Altrimenti fate oscillare il contrabbasso: l' effetto è assicurato!
Nella posizione di capotasto le cose non vanno certo meglio. Qui il fenomeno oscillatorio si avvale più dell' avambraccio mentre braccio e spalla rimangono quasi fermi. L' oscillazione non potrà mai essere così corretta come al manico, tuttavia i garndi solisti tendono a vibrare più verso l' alto in modo che il vibrato che si ottiene sia quanto mai accettabile. Gli esercizi di impostazione sono gli stessi, sono che occorre un' action molto bassa altrimenti si rischiano tendiniti poco proficue per l' allievo. A mio avviso le corde nel classico-solistico vanno tenute tanto basse fino a quando non frustano ed il ponticello regolabile ha proprio questa funzione. Non vi preoccupate delle cavolate che si dicono in giro. Il timbro rimane lo stesso se si utilizzano anelli regolatori in alluminio e non si perde suono. Al massimo con altri anelli regolatori (e c'è uno studio scientifico che fonda questa teoria, potrebbe al massimo modificare di poco la qualità timbrica ma non certo la potenza. L' alluminio è un ottimo conduttore sonoro che non taglia nè frequenze nè potenza sonora: possibile che in America tutti ne fanno uso più il sottoscritto che di americano non ha nulla?). Ma veniamo al vibrato a fine tastiera. Qui il melodramma si fa proprio un dramma autentico. Se la action non è bassissima non esce alcunchè. Il polso ha la sua funzione principale e deve essere lui a dare l' impulso vibratorio che solitamente è molto stretto. Un effetto speciale che non si può adottare per note lunghe ma solo per conferire un "effetto sonoro" quasi simil violoncello. Con la pratica tutto verrà più semplice, ma occorre molto studio tecnico e poco studio basato su esercizi e studi che non servono a niente, nel senso che solo dopo aver raggiunto un buon vibrato strettissimo di polso alla Catalin Rotaru allora ci si potrà destreggiare meglio. Le cose da dire sono ancora tante ma concludo parlando della tipologia del vibrato. Bisogna sapere che il vibrato nel contrabbasso non deve essere sempre uguale a se stesso, poichè se io eseguo un cantabile dovrò utilizzare un vibrato più largo simil cantanti lirici. Se suono Bach, secondo alcuni, non dovrei utilizzarlo proprio. Ma se suono il Concerto di Koussevitky allora il vibrato deve essere molto stretto per conferire al I e III tempo quella drammaticità che è insiita nello stesso. Il vibrato d' impulso è quello poi che è strettissimo e che viene adoperato ad esempio su una serie di quartine di semicrome a tempi medio-veloci. In questi casi è il docente che indica approssimativamente dove vibrare, solitamente la prima o la quarta nota della quartina, ma la realtà ci dice che è la musicalità del contrabbassista a comprendere quando e come utilizzare questo vibrato specie se le note sono accentate. Nel periodo classico si preferisce un vibrato più uniforme, nel periodo Romantico un vibrato più stretto e atipico, nel periodo moderno sono gli autori stessi che possono indicare quale vibrato sia meglio utilizzare magari abbinato ad una serie di glissandi. Quando ci avviciniamo alla contemporanea si lascia grande spazio e versalità all' esecutore che deve eseguire quanto scritto dall' autore ma le differenze interpretative possono essere veramente molto differenti fra l' uno e l' altro solista. Non eseguendo musica contemporanea spero che altri ne parlino nei commenti. Tutto ciò in breve. Alla prossima!
vito liuzzi

Scrivi commento

Commenti: 0

THOMAS MARTIN says:

"We all must thank you, Dear Vito, for your tireless work for all of us bassists!"  You are doing so much for your colleagues and your art.

prof.dr. Vito Domenico Liuzzi "Doctor of Law" -"Magna cum Laude"

dr. Vito Liuzzi
dr. Vito Liuzzi

TRANSLATOR

*** The Cd of the year ***

CATALIN ROTARU plays on TESTORE by BOTTESINI !!! "Lord of the basses"

CATALIN ROTARU "Sonic Bridges" vol.II (HR)

"Andante Affettuoso" di ROSANNA CARNEVALE

Ricordando Giuseppe Maria MARANGONI (1866-1945) "Anna e Pietro si lasciano andare in una esecuzione sul filo della memoria di una musica ormai totalmente interiorizzata e si guardano, di tratto in tratto, in una straordinaria muta conversazione d'intenti.

DOMINIK WAGNER

The fist CD of this great talent
The fist CD of this great talent

DIEGO ZECHARIES

"A TRIBUTE TO TEPPO" - Teppo Hauta-aho "THE KING" by Nbbrecords

DAN STYFFE "Octophonia" NEW CD

THIERRY BARBE'

CATALIN ROTARU or "The PAGANINI of the DOUBLE BASS"

MAURICIO ANNUNZIATA & ALL HIS COMPOSITIONS for Doublebass and Orchestra (piano reduction) - FREE DOWNLOAD

Click on the image for the free download
Click on the image for the free download

MARCOS MACHADO & His New Book (VOL.1) for The Left Hand. HR!

SPERGER DUO - "Sonatas for Double Bass and Piano" with PILIP JARO & Xénia Jarovà

GOLDBERG VARIATIONS

PINO ETTORRE

LEON BOSH

BOTTESINI

ALBERTO BOCINI

DAN STYFFE

DAXUN ZHANG

MARCOS MACHADO

METAMORFORA
METAMORFORA

JOEL QUARRINGTON

Garden Scene
Garden Scene

ORAZIO FERRARI

Pino Ettorre plays Gasparo da Salò on Youtube or here !!!

MICHAEL WOLF

MICHAEL WOLF BOOK, if you like click on to Schott Edition
MICHAEL WOLF BOOK, if you like click on to Schott Edition

 

PIERMARIO MURELLI

PIERMARIO MURELLI - "Nuova didattica per contrabbasso " Ed. RICORDI

ALFREDO TREBBI

ALFREDO TREBBI - Novissimo manuale semiserio per contrabbasso (click on the picture above to read more)
ALFREDO TREBBI - Novissimo manuale semiserio per contrabbasso (click on the picture above to read more)

RICCARDO CROTTI

GEIRD REINKE

BOGUSLAW FURTOK

ENRICO FAGONE

IRINA KALINA GOUDEVA

MICHAEL KLINGHOFFER

ALFRED PLANIAVSKY

MAURIZIO TURRIZIANI

THE BASS GANG

Thomas Martin & Timothy Cobb

SILVIA MATTEI

HR
HR

THE BASS SONORITY

THE BASS SONORITY: Vito Liuzzi, Michele Cellaro, Vincenzo Chiapperini, Leonardo Presicci, Giuseppe Lillo, Giovanni Rinaldi
THE BASS SONORITY: Vito Liuzzi, Michele Cellaro, Vincenzo Chiapperini, Leonardo Presicci, Giuseppe Lillo, Giovanni Rinaldi

DONOVAN STOKES

STEFANO SCODANIBBIO

Dead in Macerata at 55 years old

CATALIN ROTARU

FEDERICO BAGNASCO

CLICK ON THE PHOTO TO BUY
CLICK ON THE PHOTO TO BUY

ALFREDO TREBBI

Lo Zen e l' arte di imparare uno strumento
High Recommended

THOMAS MARTIN & his "Requiem" by Bottesini

PAOLO BENELLI

Dragonetti: Solos for double bass

by PAOLO BENELLI for CARISCH
by PAOLO BENELLI for CARISCH

FEDERICO BAGNASCO

Cd

MICHELE VERONESE

CATALIN ROTARU

Cd/DVD

PAOLO BENELLI

World Premiere!

FRANCESCO FRAIOLI

DAN STYFFE

"Portraits for friends" by BERNARD SALLES

BASSIONE AMOROSA

IRINA-KALINA GOUDEVA

"Recomenzar El Infinito"

Mr. PETRU IUGA "invention" !!!

Vito Liuzzi !!

Rino Liuzzi in STUDIOS

free counters