BOWINGs DEFINITIONS

Italian and English

 TECNICA DELLA MANO DESTRA

 

 

 

CONDOTTA DELL'ARCO

 

Regole generali da tenere presenti:

 

Si definisce suono al ponticello o suono alla tastiera rispettivamente il suonare avvicinando l'arco a questo o a quella, al ponticello il suono è più dolce e caldo mentre verso il ponticello è metallico e freddo.

 

Più si suona verso posizioni acute più l'arco deve avvicinarsi al ponticello. Questo dipende dal fatto che accorciandosi la porzione di corda vibrante varia anche il punto di contatto medio dell'arco con la corda.

 

Pressione dell'arco, velocità e punto di contatto con la corda sono variabili l'una dipendente dalle altre.

 

Pressione dell'arco

 

Con l'aumentare della pressione, affinché la corda vibri naturalmente, dobbiamo intercettarla verso un punto che offra maggiore resistenza, cioè verso il ponticello, se questa condizione non fosse soddisfatta sarebbe necessario aumentare la velocità dell'arco sulla corda per permettere la sua naturale vibrazione.

Inversamente avviene col diminuire la pressione dell'arco sulla corda, infatti diminuendo la pressione dobbiamo trovare un punto in cui la corda offra meno resistenza, cioè verso la tastiera, diversamente dovremmo diminuire la velocità dell'arcata per permettere all'arco di di far vibrare la corda .

 

Velocità dell'arco

 

Aumentando la velocità dell'arco dobbiamo aumentare la pressione sulla corda affinché l'arco posso far vibrare la corda altrimenti dovremmo spostare il punto di contatto verso la tastiera in quanto offre meno resistenza. Inversamente, col diminuire la velocità dell'arco dobbiamo diminuire la pressione per permettere alla corda di vibrare altrimenti dovremmo spostare il punto di contatto verso il ponticello in quanto offre maggiore resistenza.

 

Punto di contatto dell'arco

 

Spostando il punto di contatto dell'arco sulla corda verso il ponticello dobbiamo aumentare la pressione in quanto in quel punto la corda offre maggiore resistenza diversamente dovremmo diminuire la velocità dell'arcata per permettere all'arco di di far vibrare la corda .

Inversamente avviene con l'avvicinare l'arco alla tastiera, dobbiamo diminuire la pressione in quanto in quel punto la corda offre minore resistenza diversamente dovremmo aumentare la velocità dell'arcata per permettere all'arco di di far vibrare normalmente la corda .

 

 

 

 

^

 

 

 

 

COLPI D'ARCO

 

 

COLPI D'ARCO ALLA CORDA

 

 

DETACHE'

 

Termine francese che significa staccato, normalmente indica un colpo d'arco sciolto cioè con una arcata ogni nota, eseguito alla corda cioè senza staccare l'arco da essa, e nel passare da un'arcata ad un'altra non vi sia la minima separazione o il minimo vuoto tra i suoni . Si trovano anche altre interpretazioni dato che il termine indicando lo staccato ha svariate  sfumature.

 

Philharmonia Orchestra - The Sound Exchange: Home Page

The détaché bow stroke is acheived by starting the stroke with a tiny little stroke of the bow, and then allowing the string to resonate. This is different from another French named bow stroke that is done on the string, called Martelé where the bow is hammered (hence the name) at the beginning and at the end of the stroke (rather like a hammer on an anvil) and that sounds more effortful

 

Tartini beautifully described how to develop the technique of playing détaché the separated stroke on the string; in his letter to Countess Lombardini, from 1771. He instructed her to "play your Corelli allegro, in the last inch of the bow, with a rest between each note", and then said "When you are mistress of that part of the bow, then do the same stroke, a little further down".

 

The best way of developing the détaché stroke of articulation with the bow on the string, was described by Viotti, who was an Italian violinist of the late 18th Century, who then became the founding father of the French school. His method was to alternate up bows and down bows but blurring across the beat so that the bow stroke that fall on the naturally heavier beats of the bar alternates from up to down.
 

 

Dall Grove

 

 Of an individual note in performance, usually separated from its neighbours by a silence of articulation. The separation may be, but is not invariably,
accompanied by some degree of emphasis, and occasionally the term may imply emphasis without physical separation. The term may be regarded as the
antonym of Legato; a degree of articulation intermediate between staccato and legato, which has sometimes been represented by the term 'non legato',
was regarded by certain 18th-century authorities as the normal method of playing melodies with life (according to C.P.E. Bach in his Versuch, 1753,
it implied playing with 'fire and a slight accentuation'). It is not always clear, however, that the use of the term 'non-legato' implies something
different from staccato marks; in late Beethoven, for instance, the use of the term 'non-legato' or staccato marks, often occurring after legato
passages, may both merely be intended as indications not to slur.

In 20th-century notation the staccato is generally prescribed by means of a dot over or under the note and is distinguished from the more emphatic
staccatissimo, indicated by a wedge. Furthermore, modern notation often prescribes the technical means to be adopted by the performer in order to
secure the required effect. String playing is particularly rich in such distinctions: for example, there is a difference between a staccato in which
the bow remains on the string (with or without a change of bow direction for each note) and the Sautillé and spiccato in which the bow leaves the string
between each pair of notes. Such technical distinctions gradually came into use from the 18th century; for details, see Bow, §II, 2(iv, vii) and
3(vi-ix).

Before the second half of the 19th century, dots, dashes and wedges were likely to have the same meaning, although some notators and theorists
distinguished between dots and dashes, meaning different degrees of staccato, at least from the time of Quantz (Versuch, 1752) and Leopold
Mozart (Violinschule, 1756), and it was generally expected in the 18th century that performers would make use of a variety of different touches.
The autograph score of the Molto Allegro of Mozart's Symphony no.41, shows a mixture of bold dashes and smaller staccato marks which, although they are
actually small dashes, have often been taken to represent dots. Such passages, in which one or other form predominates or where smaller or larger
marks appear to be consistently associated with particular elements in the musical phrases, have led many scholars to maintain that Mozart, and other
composers of the period whose autographs contain a similar variety of forms of staccato marks, intended to indicate two distinct types of staccato
execution by means of these marks. On the basis of theoretical writings, the dash has usually been considered to indicate a shorter and sharper
execution, and the dot a longer and lighter one (though the writings of some theorists suggest alternative interpretations). Advocates of a deliberate
differentiation between dots and dashes in the music of some 18th-century composers are, however, faced with rationalizing many passages, such as the
one in the illustration from the Andante of Mozart's String Quartet in E k614, where the variety of the forms is so extensive as to render a
meaningful distinction between two distinct types impracticable. A number of scholars (perhaps most persuasively P. Mies: 'Die Artikulationszeichen
Strich und Punkt bei Wolfgang Amadeus Mozart', Mf, xi (1958), 428-55) have argued that the apparent distinction between dots and dashes resulted from
habits of writing, particularly at speed. This line of argument provides a plausible alternative explanation of seemingly consequential differentiation
between the two forms. Whether or not a notational distinction was sometimes intended, there can be no doubt that composers envisaged, and the best
performers employed, a continuous spectrum of subtly varied staccato execution, not two discrete types. One distinction, almost invariably
observed by Mozart, Beethoven, and many of their contemporaries, was between normal staccato marks and staccato marks under a slur indicating portato; in
the latter case, whatever the form of their marks elsewhere, they punctiliously employed dots. In Baroque thoroughbass notation, vertical
dashes are sometimes used to indicate tasto solo passages, no doubt alsoimplying some degree of emphasis or articulation.

In the late 19th and early 20th centuries a wide variety of signs came to be used to signify various nuances of staccato articulation involving numerous
combinations of dots, vertical and horizontal dashes, vertical and horizontal wedges etc., in the music of such composers as Debussy and
Schoenberg. Attempts have been made since then to standardize this aspect of notation, but without general success.

 

 

 

 

STACCATO (staccato corto)

 

Questo colpo d'arco si esegue alla corda arrestando l'arco prima di ogni cambiamento di arcata, a differenza del successivo martellato l'attacco dell'arco deve essere meno forte e avere minore pressione. A seconda della velocità del pezzo questo colpo d'arco può essere eseguito con tutto l'arco, non più lento di 60 M.M. circa per nota, o con porzioni di esso.

 

Sfumature di staccato:

 

Attacco incisivo e suono non sostenuto

 

Dopo aver messo pressione all'arco  tirarlo togliendo immediatamente  pressione, in questo caso si avrà un attacco del suono incisivo immediato e non sostenuto.

 

Attacco incisivo e suono sostenuto

 

Dopo aver messo pressione all'arco tirarlo non togliendo pressione, in questo caso si avrà un attacco del suono incisivo immediato e sostenuto, l'arrestare l'arco mantenendone la pressione produce un suono non molto elegante. 

 

Non dando pressione all'arco non si ha un attacco incisivo e si produce uno staccato morbido.

 

Studi basati sul picchettato martellato

 

Popper David (1846 Prague-1913)

High School of Cello Playing, op. 73 (Leipzig 1901-5)

Studio n. 1

 

 

 

 

PICCOLO STACCATO

 

Se definisce piccolo staccato uno staccato veloce verso la metà dell'arco eseguito con movimento di polso.

 

 

 

 

PORTATO (staccato lungo)

 

Si indica con un trattino _ sopra la nota.

A differenza dello staccato l'arco non si arresta prima del cambiamento dell'arcata, ogni nota risulta leggermente accentata da leggere flessioni dell'arco. A seconda della velocità del pezzo questo colpo d'arco può essere eseguito con tutto l'arco, non più lento di 60 M.M. circa per nota, o con porzioni di esso.

A seconda della velocità del pezzo questo colpo d'arco può essere eseguito con tutto l'arco o con porzioni di esso.

 

 

 

 

MARTELLATO

 

Questa arcata dà un accento vivo all'inizio di ogni nota. L'arco deve mordere la corda prima di iniziare l'arcata premendo sulla stessa e successivamente abbandonando la pressione dopo la sua esecuzione ed arrestando l'arco sulla corda. Si esegue con una flessione delle dita e del polso.

A seconda della velocità del pezzo questo colpo d'arco può essere eseguito con tutto l'arco o con porzioni di esso.

fr. martelé ingl. 'hammered' notes. Si indica con un punto sopra la nota o con un cuneo o con una forcella orizzontale. La sua velocità non supera quattro semicrome, in un movimento da 60 M.M circa.
 

Philharmonia Orchestra - The Sound Exchange: Home Page

The accents might have staccato dots too, since this is really an extension of staccato playing, producing a very heavy sound.

 

 

 

 

LEGATO

 

L'esecuzione di due o più note in un'unica arcata senza interruzione e flessione, accento, di suono produce il suono legato, l'arco non deve subire nessuna variazione, come se eseguisse una nota unica al posto di due. Nell'eseguire due note legate su corde diverse, al fine di ottenere un buon legato, l'arco deve essere tenuto inclinato verso la corda su cui si deve eseguire la nota legata al fine di eseguire il cambiamento di corda senza interruzione di suono e con il massimo legato.

 

 

 

 

PICCHETTATO

 

 Il picchettato è formato da una serie di suoni staccati veloci nella stessa arcata. Viene indicato con un punto sopra le note legate od anche un cuneo quando se ne richiede un'esecuzione accentuata.
 

 

 

 

PICCHETTATO LISCIO

 

Il picchettato può essere anche liscio, semplice, senza fare pressione sull'arco ad ogni attacco, si indica con un puntino sopra le note legate. Questo colpo d'arco si esegue su tutto l'arco a tempo moderato.

 

 

 

 

PICCHETTATO PORTATO (ondulato)

 

Si esegue facendo una leggera pressione ogni nota senza staccarla, si indica con un trattino sopra le note legate. Questo colpo d'arco si esegue su tutto l'arco a tempo moderato.

 

Dal sito del quartetto italiano

Quartetto Italiano - Incontro...

Un caso poi che cito spesso é quello del «portato», indicazione musicale che è graficamente rappresentata da due punti sulle note, con una legatura sopra. I violinisti scambiano spesso questa indicazione con un colpo d'arco detto «picchettato», tipico di Paganini e di Wieniawski, virtuosistico, che non ha niente a che fare con il «portato». Il «portato» è espressivo, simile al legato, mentre il «picchettato» è una serie di veloci note staccate nella stessa arcata. Il Quartetto op.59 n.3 di Beethoven, dopo l'Andante introduttivo, inizia con una cadenza del violino indicata «portato», che molti erroneamente eseguono «picchettato». Si desidererebbe insomma più attenzione alle esigenze musicali che alla convenienza strumentalistica.
(Paolo Borciani)

 

 

 

 

PICCHETTATO MARTELLATO

 

Nel picchettato martellato ogni nota viene eseguita martellata, si indica con un punto sopra la nota o con un cuneo o con una forcella orizzontale  sopra le note legate. Questo colpo d'arco si esegue su tutto l'arco a tempo anche veloce. La porzione di arco usata è in relazione al valore della nota come avviene nel martellato.

 

Studi basati sul picchettato martellato

 

Grützmacher Friedrich Wilhelm Ludwig (1832-1903)

Ventiquattro studi op.38 vol. 1

Studio n 12

 

Popper David (1846 Prague-1913)

High School of Cello Playing, op. 73 (Leipzig 1901-5)

Studio n. 32

 

 

 

 

COLPI D'ARCO GETTATI E SALTATI

 

 

 

SPICCATO (Colpo d'arco gettato)

 

L'arco viene alternativamente gettato e alzato dalla corda, se il tempo è veloce viene eseguito col polso e con le dita, se moderato vengono coinvolti braccio e avambraccio. Prima di eseguire la nota si fa una leggera pressione dell'arco sulla corda ed appena eseguita la nota si alza l'arco dalla corda; a differenza del saltellato in questo colpo l'arco non rimbalza autonomamente ma viene sollevato anche tramite il mignolo della mano destra.

 

Nell'esecuzione di questo colpo d'arco viene usata una minima quantità d'arco preferibilmente verso la metà, 3/8 e 4/8 sulle corde di maggiore spessore, 5/8, 6/8. Si esegue con movimento delle dita e del polso e se il tempo è moderato anche con il braccio e l'avambraccio. Nell'avvicinarsi alla punta si ha difficoltà a sollevare l'arco ed al tallone l'effetto è molto pesante.

 

 Oltre una certa velocità si trasforma in un colpo d'arco saltato.

 

 

Studi basati sullo spiccato

 

Servais Adrien François (1807 Belgian town of Hal, near Brussels-1866)

Sei Capricci per Violoncello, op. 11

 Capriccio n. 2

 

 Popper David (1846 Prague-1913)

High School of Cello Playing, op. 73 (Leipzig 1901-5)

Studio n. 27

 

 

 

 

SALTELATO (Balzato, Sautille)

 

Philharmonia Orchestra - The Sound Exchange: Home Page

The most commonly used type of bouncing stroke is Sautee, which is the same word as sautee-ing in cooking, when you let the food jump in the pan, like the bow is allowed to jump, not made to jump. IN the film above you can see the fingers of David's right hand (bow) are very relaxed.
 

A differenza dei colpi d'arco gettati il balzato o saltellato si ottiene lasciando rimbalzare l'arco naturalmente sulla corda, in questo colpo d'arco braccio e avambraccio rimangono passivi ed il naturale rimbalzo dell'arco è assecondato da un leggero movimento di polso.

 

Nell'esecuzione di questo colpo d'arco viene usata una minima quantità d'arco preferibilmente verso la metà, 3/8 e 4/8 sulle corde di maggiore spessore, 5/8, 6/8. Nell'avvicinarsi alla punta e ad tallone l'arco salta rispettivamente troppo o troppo poco.

 

Studi basati sullo spiccato

 

DUPORT Jean Luis  (October 4, 1749 - September 7, 1819)

21 etudes (c1813).
Etude n. 10

 

 

 

 

RICOCHET (Rimbalzato), Gettato

 

Dal francese, letteralmente rimbalzo, indica l'esecuzione rimbalzata di diverse note in un'arcata, preferibilmente in giù, alcune volte indicato con più punti sulla nota. Con ricochet viene alcune volte indicato il saltellato. Questo colpo d'arco si esegue gettando l'arco sulle corde e successivamente lasciare l'arco libero di saltare come nel saltellato, per cui viene anche denominato Gettato.

 

 

 

 

PICCHETTATO SPICCATO (volante)

 

Questo colpo d'arco è uno spiccato nella stessa arcata, viene denominato anche picchettato volante quando eseguito in su. Come per lo spiccato si esegue più facilmente verso la metà dell'arco: 3/8-4/8-5/8-6/8, oltre una certa velocità si trasforma in un colpo d'arco saltato.

 

 

 

 

PICCHETTATO SALTELLATO

 

Come per il saltellato si esegue più facilmente verso la metà dell'arco: 3/8-4/8-5/8-6/8. Viene chiamato anche balzato.

 

 

 

 

L'ACCENTO

 

L'accento si indica con il simbolo > sopra la nota, si ottiene dando maggior velocità e/o maggior pressione all'arco.

 

Normalmente un accento dolce e espressivo si ottiene con una maggior velocità dell'arco, mentre l'accento nello sforzato sf si ottiene con una maggior pressione dell'arco e e nello sff con la caduta dell'arco sulla corda.

 

 

 

^


 

 

 

TECNICA DELLA MANO SINISTRA

 

 

 

CAMBIAMENTO DI POSIZIONE

 

I cambiamenti di posizione rivestono un aspetto molto importante. Per gli aspetti più strettamente musicali rimando a:  interpretazione arcate diteggiatura, qui esamineremo gli aspetti strettamente meccanici.

 

 

 

Cambiamento di posizione verso e da gli armonici.

 

Il portamento verso un suono armonico generalmente avviene con il dito di arrivo al fine di trovare il dito pronto per l'armonico.

Quando si lascia un armonico, per evitare il portamento degli armonici, il dito cesserà il suo contatto con la corda e la mano si porterà verso la nota di arrivo. Quando la corda a vuoto succede ad un armonico per evitare il persistere dell'armonico è necessaria una leggera contrazione del dito che sfiora la corda per inibirne il suono.

 

 

 

Per raggruppamento della mano

 

        Il cambiamento di posizione per raggruppamento si prepara durante la nota che precede il cambiamento raggruppando la mano, sia ascendendo che discendendo, facendo pernio sul dito che ha eseguito la nota precedente e raggiungendo la nota voluta.

Questa tecnica per mette di legare i suoni e non avere effetti di portamento

 

 

 

Per sostituzione

 

I cambiamenti di posizione per sostituzione si fanno con il dito che si trova sulla nota di partenza sempre premendo sulla corda ma in modo leggero.

 

Nei cambiamenti ascendenti quando si passa da un dito numericamente inferiore ad uno superiore, durante il movimento di cambiamento di posizione si allunga il dito di arrivo per raggiungere prima la nota di arrivo: anche in questo caso l'intento è quello di legare il più possibile le note.

Quando invece si passa da da un dito numericamente superiore  ad uno inferiore, durante il movimento di cambiamento di posizione si avvicina il dito di arrivo a quello di partenza e raggiunta la nota da eseguire si sostituirà il dito di partenza con quello di arrivo.  

In quest'ultimo caso (quando si passa da da un dito numericamente superiore  ad uno inferiore) se il passaggio di posizione avviene su due corde diverse il portamento nel cambio di posizione avviene sulla corda della nota del dito di arrivo.

 

Nei cambiamenti discendenti quando si passa da un dito numericamente superiore ad uno inferiore, durante il movimento di cambiamento di posizione si allunga il dito di arrivo per raggiungere prima la nota di arrivo: anche in questo caso l'intento è quello di legare il più possibile le note.

Quando invece si passa da da un dito numericamente inferiore ad uno  superiore, durante il movimento di cambiamento di posizione si raggruppa la mano e si avvicina il dito di arrivo a quello di partenza e raggiunta la nota da eseguire si sostituirà il dito di partenza con quello di arrivo, in questo caso la sostituzione avverrà con una leggera percussione..  

Anche in questo caso (quando si passa da da un dito numericamente inferiore ad uno superiore) se il passaggio di posizione avviene su due corde diverse il portamento nel cambio di posizione avviene sulla corda della nota del dito di arrivo.

 

 

 

 

GLISSANDO (Portamento)

 

 

Questi termini vengono spesso usati come sinonimi; il glissando (termine onomatopeico derivato dal suono prodotto dallo scivolamento del dito sulla corda) rappresenta un'azione di scivolamento che, partendo da un suono e arrivando ad un altro, riproduce i suoni della scala, cromatica o no, come nel pianoforte o nella chitarra; mentre nel portamento, termine derivato dalla tecnica vocale, tale scivolamento avviene non su dei suoni ben definiti ma con un incremento progressivo di frequenze, come avviene nella voce e negli strumenti ad arco

 

 

GROVE

Glissando
(italianized, from Fr. glisser: 'to slide'; It. strisciando).
A term generally used as an instruction to execute a passage in a rapid,
sliding movement. When applied to playing the piano and the harp, glissando
generally refers to the effect obtained not by fingering the key or strings
of scales but by sliding rapidly over the relevant keys or strings with the
fingernails or the fingertips. Because of the nature of the piano and the
harp, every individual tone or semitone of such glissando scales is clearly
heard, no matter how rapid the 'sliding' (see Harp, §V, 7(iv) (b)). On the
other hand, with the voice, violin or trombone, a sliding from one pitch to
another is more readily effected without distinguishing any of the
intervening notes, a method of sliding which is often called Portamento (see
Portamento (i) and (ii)). Other instruments capable of sliding are the
clarinet, the horn and the timpani. By their very nature, both types of
sliding must be legato and relatively rapid.

In practice, the terms glissando and portamento are often confused and used
interchangeably. However, if the distinctions made above are kept, it
follows that the piano and the harp, which have fixed semitones, can play
glissando but not portamento; and the voice, members of the violin family
and the trombone can produce either type of sliding, although glissando is
far more difficult for them.

Two examples of sliding on the violin will illustrate the distinctions just
made between the two terms. Ex.1a shows a chromatic glissando (Lalo:
Symphonie espagnole, fourth movement), although no such term is used by
Lalo. The passage shows clearly that Lalo wished every semitone to be
distinguished in the downward slide from e'''' to e'', even at the speed
implied by the demi-semiquavers. The slur directs the player to use a single
bow stroke for the glissando, and the use of a single finger in sliding is
implied (up to the last few notes). This type of glissando probably had its
origins either in the 'Couler à Mestrino' (ex.1b), a quasi-portamento
expressive effect illustrated by Woldemar (Grande méthode ou étude
élémentaire pour le violon, Paris, 1798-9) but apparently adopted by Nicola
Mestrino in most slow movements, or in Rameau's idea, in the first violin
part of his opera Platée (1749), of depicting the words 'Ce sont des pleurs'
(Act 3 scene iv) by 'sliding the same finger, and making audible the two
quarter-tones between e' and f'.

 n ex.2, taken from the second movement of Bartók's Fourth String Quartet,
the composer indicated a sliding by a diagonal line - he used no terms.
Obviously, at the prestissimo tempo of the movement, the slide must be a
portamento, there being no time to distinguish any intervening notes. All
four instruments of the quartet are directed to slide, as shown.


Flesch proposed that glissando be used to mean a technically essential type
of violin shift (the shift to be carried out quickly and unobtrusively) and
that portamento be used for a type of shift (carried out either slowly or
rapidly) intended to heighten the expression. These distinctions, however,
have not been universally accepted. In Galamian's terminology, for instance,
Flesch's portamento becomes 'expressive glissando'. Because of the variety
and confusion of terms and meanings, Flesch used the term 'chromatic
glissando' to describe the passage shown in ex.1a in order to make explicit
the articulation of each individual semitone.

The first known composer to specify glissando was Carlo Farina, whose
imaginative, if ostentatious, efforts to imitate animal and bird sounds in
his Capriccio stravagante (1627) extended the technical and descriptive
range of violin writing. Modifications to the neck and fingerboard of bowed
stringed instruments about 1800 resulted in a marked increase in the
exploitation of the higher positions on all strings, with either tonal
uniformity or bravura effect in mind, and opened the way for 19th-century
virtuosos such as Lolli and Paganini to incorporate the glissando in their
technical vocabulary. Descending glissandos were more common and most
examples of violin glissando occurred on the E string (e.g. as in the first
movement of Bériot's Second Violin Concerto, 1835, or in Vieuxtemps's Third
Violin Concerto op.25, 1844). However, Lolli is reported (AMZ, i (1798-9),
col.577-84, esp. 580) to have 'glided [from g'], without further fingering,
through all the mediants to [g''] and so on . up to the extreme end of the
fingerboard. Only the bow marked the main notes with a short staccato, while
the finger . slid to the final note'. The una corda extravaganzas of
Paganini (e.g. Introduction and Variations on 'Dal tuo stellato soglio' from
Rossini's Mosè in Egitto, ?1819) and his successors (e.g. Vieuxtemps's Norma
op.18, c1845 or Bériot's Air varié op.52) resulted in the common
exploitation of glissandos on the G string. However, the effect has been
prescribed for all strings of the instrument (e.g. ascending and descending
in 6ths in Bériot's Third Violin Concerto, first movement), for most
stringed instruments and in a variety of instrumental genres, ranging from
solo works (e.g. Britten's Violin Concerto, 1939; Szymanowski's Nocturne and
Tarantella op.28, 1915) to chamber music (e.g. the opening of Penderecki's
String Quartet no.1, 1960) and examples from the orchestral repertory (e.g.
Strauss's Till Eulenspiegel, 1894-5). The glissando has been employed in
original and effective ways by such composers as Giacomo Manzoni (Nuovo
incontro, 1984) and Salvatore Sciarrino (Capricci, 1975).


 

 

 

Philharmonia Orchestra - The Sound Exchange: Home Page

 Glissando is a continuous slide in pitch. The left hand finger is placed on the string and then, as the note is played, the finger slides up or down the finger board.
Notation: The beginning and end note of the glissando are written and connected by either a straight or a wavy line. Usually the word gliss or glissando will be written above.
Comments: Various types of glissando are easily produced on string instruments, so composers should consider carefully the rate of glide, start and end
 

 

 

 

CAPOTASTO

 

Philharmonia Orchestra - The Sound Exchange: Home Page

Thumb position is a technique that cello players often use when playing in the higher register. Once the left hand reaches the body of the instrument, in order to play higher notes, the thumb has to come out from under the neck and it can then be used to stop notes on the fingerboard. This is called 'thumb position' but it is not only on high notes that it is used, because the extra reach that the technique gives to the third finger often comes in handy in passages of music lower down on the instrument.
 

 

 

 

TRILLO

 

 

Studi basati sul trillo

 

Servais Adrien François (1807 Belgian town of Hal, near Brussels-1866)

Sei Capricci per Violoncello, op. 11

 Capriccio n. 5, questo capriccio introduce allo studio del doppio trillo.

 

 

 

 

^

 

 

 

 

LE SCALE

 

 La diteggiatura, come altre volte espresso,  rappresenta un primo passo interpretativo degli aspetti formali e armonici e di ricerca del colore strumentale.

 

L'aspetto ritmico è uno dei principi per diteggiare la scala; in una accentuazione binaria  dobbiamo far coincidere i cambiamenti di posizione con gli appoggi ritmici. La diteggiatura proposta si riferisce ad una corda singola, considerando l'uso delle prime posizioni e delle corde a vuoto per il raggiungimento della prima corda La.

 

Per la  1° ottava (e per le ottave dispari) il modello da seguire per una accentuazione binaria è 1-2-1-2-1-2-1-2, in DoM DO3-Do4

 

per la 2° ottava (e per le ottave pari), partendo dalla diteggiatura precedente con il Do4 col il 2° dito, avremo: 2-1-2-1-2-1-2-1 

 

Considerando la forma migliore di chiusa con la diteggiatura 1-2-3, in quanto tende a soffermarsi con la mano sulla chiusa e la ripartenza della scala discendente, la 4°  ottava, come ottava pari, avrà la diteggiatura  2-1-2-1-2-1-2-3.

 

Per la chiusa delle ottave  dispari al fine di aver la chiusa  1-2-3 dobbiamo usare la diteggiatura 1-2-1-2-3-1-2-3, che pur contrastando l'andamento ritmico nel passaggio 3-1 è la migliore per la chiusa 1-2-3.

 

Bisogna qui specificare che la diteggiatura proposta si riferisce non tanto ad un diteggio reale ma ad una accentuazione binaria del movimento nei passaggi di posizione.

Prendiamo come esempio la scala di DoM a quattro ottave, arrivati alla corda a vuota La2 della 2° ottava, in quanto ottava pari, deve essere considerata diteggiata con un ipotetico 2, ed il successivo Si2 con 1. La terza ottava come ottava dispari avrà il modello 1-2-1-2-1-2-1-2 che corrisponderà alla diteggiatura reale di 2-4-1-2-1-2-1-2. Considerando la scala a tre ottave la chiusa con diteggiature reali avrà 2-4--1-2-3-1-2-3.

 

 

 

 

^

 

 

 

 

 ACCORDI E BICORDI

 

Normalmente gli accordi vengono eseguiti suonando le note due a due. In genere si porta l'arco verso la tastiera per avere una attacco più flessibile. Ci sono casi in cui necessità ritmiche necessitano l'esecuzione non spezzata dell'accordo, questa esecuzione normalmente viene usata con accordi di tre note. Si porta l'arco verso la tastiera per permettere alle corde di flettersi e perché la curvatura delle corde è meno accentuata, si attacca l'accordo sulla corda centrale, che flettendosi permetterà di suonare anche le estreme.

 

Philharmonia Orchestra - The Sound Exchange: Home Page

If the double stop is difficult (the left hand span is awkward) a cello section will play this divisi (meaning divided - the notes are shared out between instruments). A composer can write non div under the chord if they really want the players to play the double stop. This does increase the risk of tuning problems

 

 

 

Studi basati sui bicordi

 

 

 Popper David (1846 Prague-1913)

High School of Cello Playing, op. 73 (Leipzig 1901-5)

Studio n. 17

 

 

 

 

ESPRESSIONI

 

 

ALLA CORDA

 

Nella tecnica degli strumenti ad arco indica un'esecuzione con l'arco sulla corda, un colpo d'arco né gettato né saltato. English: on the string

 

Philharmonia Orchestra - The Sound Exchange: Home Page

During the 19th Century when the bulk of the repertoire that orchestras play today was written, the on the string style of articulation was that which was favoured by most composers and musicians (it was if you like the default articulation style).
Off the string articulation was thought of as not part of high art or high culture, but something for café fiddlers. Mendelssohn however (a little bit later) was famous for introducing the off the string style, particularly in scherzos, jokey music and character fairy music, such as his Midsummer Nights Dream. Apart from Mendelssohn's fairy music, on the string bowing was very much the norm during the 19th Century.

 

During the middle of the 20th Century, with the demand for string players to make more and more gramophone recordings the technique of playing off the string gradually rose into the ascendancy, this was mainly because it was easier to do and easier to get together.
 

 

 

 

ATTACCO ALLA CORDA

 

Philharmonia Orchestra - The Sound Exchange: Home Page

The 'off the string stroke' can be started with the bow in the air, or with the bow already on the string for the first note. The advantage of the latter, with the bow starting on the string is that it's much easier for string players to get that together, whereas when starting from off the string is a bit more "chancy".
The problem with starting with the bow in the air when you are playing 'off the string' is the difficulty of getting a large group of string players to get that absolutely, precisely together, which is why in most cases the string stroke is played with the bow starting on the string.
 

 

 


SCIOLTO

 

Indica l'esecuzione di ogni nota con una nuova arcata.

 

 

 

 

LISCIO

 

Indica l'esecuzione di note, sciolte od in una arcata, senza accenti e flessioni di arco.

 

Collé

 Collé means glued. It is a very short stroke, and begins with the bow lightly contacting the string with a distinct and short, sharp pinch. The bow is then lifted to prepare for the next stroke. The resulting sound was described by Galamian as being similar to pizzicato with the bow. Although collé usually has no articulation markings, dots are sometimes used.

 

 

 Détaché

 Détaché indicates smooth, separate bow strokes should be used for each note (it does not mean detached or disconnected). Notes are of equal value, and are produced with an even, seamless stroke with no variation in pressure.

 

 

 Détaché lancé

 Détaché lancé is a variation of the détaché bow stroke. A slightly separated bow stroke is used to gently articulate the notes with an unaccented, distinct break between each note. It is often used in combination with the louré or porté stroke to perform several separated notes in the same bow.

 

 

 Legato

Legato indicates the notes should be smoothly connected, played either in one or several bows (slurs are often used with the legato bow stroke).

 Louré

 Louré strokes are a short series of gently pulsed legato notes executed in one bow stroke (it is also known as portato). A slight swelling at the beginning of the note should be applied, followed by a gradual lightening of the sound. Strokes are distinctly separate, yet unaccented, and the expressive swell is produced by applying pressure and speed to the bow at the beginning of the note. Although a slur and horizontal dashes are generally used to indicate this effect, dots with slurs are occasionally used.

 Martelé

 Martelé is a French term meaning hammered. Each note is percussive, and commences with a sharp accent or "pinch" at the beginning of the note, followed by a quick release. Before the bow is set in motion, the index finger applies this "pinch" or "bite" for articulation. Martelé may be notated in more than one way: with dots, hammer heads or accents.

 Staccato

 Staccato indicates the bow should remain on the string to play shortened and detached notes, distinctly separate from successive notes. Staccato is sometimes used with slurs (slurred staccato) for a series of short, stopped notes played in the same up or down bow (many violinists perform slurred staccato as a series of slurred martelé strokes).

 

 

BOW STROKES: Off the String

 

   NAME

 DEFINITION

 Jeté

 Jeté means "thrown" in French. In this bow stroke, the bow is thrown on the string, and then bounces for several notes in the same bow direction. The height and speed of the bounce are regulated through factors such as the amount of pressure used by the index finger, and where the bow is initially thrown or placed.

 Ricochet

 Ricochet is a bow stroke where the bow is dropped on the string and rebounds (bounces) on the string for several notes in the same bow direction. The natural resiliency of the string helps the bow to bounce. As in the jeté bow stroke, the height and speed of the bounce are regulated through factors such as additional pressure used by the index finger, and where the bow is initially thrown or placed. Although ricochet and jeté are similar, some violinists consider jeté to be more of a controlled bounce than ricochet (there are some violinists who use these terms interchangeably).

Sautillé

 Sautillé is a fast, bouncing or springing stroke in which the bow naturally bounces off of the string, producing a lighter, more rapid, and less percussive sound than spiccato. The natural resiliency of the bow is utilized to produce this light, fast stroke, and it is often played in the middle of the bow.

 

Spiccato

 Spiccato is an off-the-string, controlled bouncing bow stroke which produces a crisp sound and very short notes. It is the slowest of the bouncing strokes.

THOMAS MARTIN says:

"We all must thank you, Dear Vito, for your tireless work for all of us bassists!"  You are doing so much for your colleagues and your art.

prof.dr. Vito Domenico Liuzzi "Doctor of Law" -"Magna cum Laude"

dr. Vito Liuzzi
dr. Vito Liuzzi

TRANSLATOR

"A TRIBUTE TO TEPPO" - Teppo Hauta-aho "THE KING" by Nbbrecords

DAN STYFFE "Octophonia" NEW CD

THIERRY BARBE'

CATALIN ROTARU or "The PAGANINI of the DOUBLE BASS"

MAURICIO ANNUNZIATA & his New Three Concertos for doublebass (free download)

Click on the image for the free download
Click on the image for the free download

MARCOS MACHADO & His New Book (VOL.1) for The Left Hand. HR!

SPERGER DUO - "Sonatas for Double Bass and Piano" with PILIP JARO & Xénia Jarovà

GOLDBERG VARIATIONS

PINO ETTORRE

LEON BOSH

BOTTESINI

ALBERTO BOCINI

DAN STYFFE

DAXUN ZHANG

NICHOLAS BAYLEY

MARCOS MACHADO

METAMORFORA
METAMORFORA

JOEL QUARRINGTON

Garden Scene
Garden Scene

ORAZIO FERRARI

MICHAEL WOLF

MICHAEL WOLF BOOK, if you like click on to Schott Edition
MICHAEL WOLF BOOK, if you like click on to Schott Edition

 

PIERMARIO MURELLI

PIERMARIO MURELLI - "Nuova didattica per contrabbasso " Ed. RICORDI

ALFREDO TREBBI

ALFREDO TREBBI - Novissimo manuale semiserio per contrabbasso (click on the picture above to read more)
ALFREDO TREBBI - Novissimo manuale semiserio per contrabbasso (click on the picture above to read more)

RICCARDO CROTTI

GEIRD REINKE

BOGUSLAW FURTOK

SILVIO DALLA TORRE

ENRICO FAGONE

IRINA KALINA GOUDEVA

MICHAEL KLINGHOFFER

OVIDIU BADILA

ALFRED PLANIAVSKY

MAURIZIO TURRIZIANI

THE BASS GANG

Thomas Martin & Timothy Cobb

SILVIA MATTEI

HR
HR

THE BASS SONORITY

THE BASS SONORITY: Vito Liuzzi, Michele Cellaro, Vincenzo Chiapperini, Leonardo Presicci, Giuseppe Lillo, Giovanni Rinaldi
THE BASS SONORITY: Vito Liuzzi, Michele Cellaro, Vincenzo Chiapperini, Leonardo Presicci, Giuseppe Lillo, Giovanni Rinaldi

DONOVAN STOKES

STEFANO SCODANIBBIO

Dead in Macerata at 55 years old

CATALIN ROTARU

FEDERICO BAGNASCO

CLICK ON THE PHOTO TO BUY
CLICK ON THE PHOTO TO BUY

ALFREDO TREBBI

Lo Zen e l' arte di imparare uno strumento
High Recommended

THOMAS MARTIN & his "Requiem" by Bottesini

PAOLO BENELLI

Dragonetti: Solos for double bass

by PAOLO BENELLI for CARISCH
by PAOLO BENELLI for CARISCH

FEDERICO BAGNASCO

Cd

MICHELE VERONESE

CATALIN ROTARU

Cd/DVD

PAOLO BENELLI

World Premiere!

FRANCESCO FRAIOLI

DAN STYFFE

"Portraits for friends" by BERNARD SALLES

BASSIONE AMOROSA

IRINA-KALINA GOUDEVA

"Recomenzar El Infinito"

Mr. PETRU IUGA "invention" !!!

Vito Liuzzi !!

Rino Liuzzi in STUDIOS

free counters